Speed Painting: L’ultimo istante

di Marco Russo

3' di lettura

Alcuni mesi fa ho ricevuto un’altra interessante commission.

L’immagine doveva raccontare questo: un momento in cui, in mezzo ad una battaglia epica, un eroe e un’eroina si lasciano ad un ultimo momento di tenerezza: un bacio!

Mi è stata lasciata totalmente carta bianca, infatti dopo varie illustrazioni ordinate dal committente questa era l’ultima e si fidava. Così ho deciso di non mostrargli nulla della lavorazione… sarebbe stata una sorpresa!

Dell’immagine ho deciso subito due cose:

1: usare i personaggi della DC, perché mi è subito venuta alla mente la love story tra Superman e Wonder Woman;

2: i colori. Volevo creare la stessa base di colore usata in molte locandine di film: quel dorato/arancione contro verdino/azzurrino come nell’esempio qui sotto.

 

maecenas_mecenate_dreamink_marcorusso_speedp2_pic1

 

Con questi elementi ho elaborato un’immagine in cui i protagonisti sono i supereroi DC più famosi come Batman, Flash, etc…

Tuttavia si è deciso di non dare un’identità particolare ai due innamorati. Certo, potrei velocemente farli diventare Superman e Wonder Woman, ma a motivo della richiesta del committente sono stati fatti senza caratterizzarli particolarmente.

 

maecenas_mecenate_dreamink_marcorusso_speedp2_pic2

 

Nel disegnarla, l’immagine ha preso quindi una piega definita solo in parte, dove infatti alcuni dei personaggi non si capisce bene chi siano.

E’ palese però che i supereroi stanno combattendo in tutte le direzioni.

 

É un battaglia tra supereroi?

Oppure i supereroi sono a difesa dell’umanità da qualche minaccia?

 

Ancora una volta non lo sappiamo. Forse questo contribuisce a rendere interessante l’immagine, dato che l’osservatore la scruta in cerca di risposte.

Come sempre il video qui sopra è velocizzato. Stavolta del 2200%, quindi quello che vedete è frutto di moltissime ore di lavoro.

 

 

 

 

[00:00]

Il disegno base, come potete vedere nel video e nell’immagine sopra, è stato costruito con la matita blu e dettagliato con una micromina normale color grafite su un A3 liscio. É poi stato scannerizzato ad alta risoluzione e pronto per essere colorato.

 

[00:04]

Inizio con un leggero Riempimento azzurro con contrasto giallino. Il colore, la tendenza, etc… va anche trovato, e quindi questo è il primo step per vedere come devo montare i colori tra loro.

 

[00:10]

Inizio stesura colori flat, ovvero dove i colori base devono andare: il grigio scuro su Batman, il rosso su flash, etc…

 

[01:04]

Riempio di giallo e studio come caricare il cielo con delle macchie gialle-arancioni per donare forza all’effetto tramonto.

 

[01:14]

Rimuovo le tendenze di giallo che avevo appena dato e poi Riempimento di violetto, dopodiché inizio a dettagliare nuvole e ombre con lo stesso colore.

 

[01:23]

Metto del colore che serve a risaltare la luce arancione del sole.

 

[02:29]

Inserisco nell’immagine delle reference: altre immagini che, come quella di THOR che avete appena visto, mi aiutano a capire come raggiungere quel colore e quell’ impatto visivo.

 

[02:35]

Messa a punto di altri strati di colore per uniformare la luce. Blu scuro, violetto e arancione. Queste pennellate flat di colore le ho poi sfocate (blur). In questo modo i colori rimangono… ma non piatti: si uniformano con il disegno e i colori sotto, creando le tendenze di cui ho avuto bisogno.

 

[02:48]

Inserisco delle texture che mi permettono di sporcare l’immagine. Sporcarla è spesso utile perché crea dettaglio. Ancora una volta quando si parla di illustrazioni vi esorto a soffermarvi sulle locandine dei film, dove di polvere, detriti e scintille ne troverete a bizzeffe!

 

[03:06]

Mi accorgo che la mano di Batman non è disegnata bene, così la ridisegno una seconda volta e  anche una terza, finché l’immagine non è corretta e non mi soddisfa. Credetemi, gli errori che ci sono nelle mie immagini sono totalmente inconsapevoli… io continuo a lavorare finché non mi rendo conto che è necessario correggere. Con il tempo e l’esperienza che si acquisisce però, si impara anche a vedere con occhi nuovi gli errori passati… quindi è probabile che quelli più esperti riusciranno a vedere qualcosa che a me è sfuggito.

 

[05:01]

Inizio dettagli finali come quelli ai personaggi più distanti e aggiungo l’effetto movimento verso il centro dell’immagine: la sfocatura e la regolazione dell’esposizione, contrasto e temperatura, mi aiutano ad aumentare l’impatto della scena!

 

maecenas_mecenate_dreamink_marcorusso_speedp2_pic3

 

La tavola è quindi composta da due colori dominanti: un blu poco saturo e un giallino.

Gli effetti e tutte le cose che ho scelto di mettere sono servite a dare l’atmosfera al momento, ed è proprio questa sensazione d’impatto che mi soddisfa.

Che ne dite di questo secondo Speed Painting?

Fatemi sapere se vi è piaciuto!

Contattaci

Consenso al Trattamento di Dati personali ai sensi dell’art. 23 del DLgs n. 196/2003